Fatturazione elettronica per dentisti: ecco come semplificarla

3 Dicembre 2020
3 Dicembre 2020 Stefano Spinelli

Come semplificare le procedure (evitando il caos) della fatturazione elettronica per i dentisti

Non puoi proprio più farne a meno: per legge devi dotare il tuo studio odontoiatrico di uno strumento informatico per la gestione delle fatture elettroniche.

Come ben saprai, infatti, anche se la fatturazione elettronica attiva per i dentisti non è obbligatoria, devi poter ricevere le fatture elettroniche passive ed emettere quelle non sanitarie, per esempio di consulenza.

Andiamo allora a vedere come conformarsi ai nuovi obblighi normativi e allo stesso tempo semplificare le procedure.

Cos’è e come funziona la fattura elettronica?

La fatturazione elettronica è un sistema digitale di emissione, trasmissione e conservazione delle fatture, che permette di abbandonare il supporto cartaceo e tutti i relativi costi di stampa, spedizione e conservazione, garantendo anche l’integrità e la leggibilità della fattura, fino al termine del suo periodo di conservazione (10 anni).

La fattura elettronica, infatti, deve essere:

  • Compilata tramite un software di fatturazione elettronica.
  • Firmata digitalmente (tramite firma elettronica qualificata) dal soggetto che la emette o dal suo intermediario.
  • Inviata al destinatario tramite Sistema di Interscambio (S.D.I) che, per legge, è il punto di passaggio obbligato verso la Pubblica Amministrazione ed i privati.
  • Conservata con l’ausilio di servizi predisposti e a norma.

Fatturazione elettronica per i dentisti, cosa bisogna fare in concreto?

Per il processo di fatturazione elettronica i medici dentisti devono quindi seguire questo iter, per ogni fattura:

  • Controllare la correttezza formale del file XML generato.
  • Firmare digitalmente il file XML generato con riferimento temporale.
  • Inviare il file XML generato al Sistema di Interscambio (S.D.I.).
  • Attendere le ricevute e le notifiche.
  • Prevedere la conservazione dei file XML inviati come da normativa.

Come semplificare la procedura?

Il primo passo che devi fare, per semplificare i processi dello studio in generale, è avviare una digitalizzazione, attraverso l’utilizzo di un software gestionale, che diventa anche un vero e proprio software di fatturazione.

I migliori, infatti, come ConfiDent di MediaLab, comprendono la funzione di contabilità avanzata, che consiste nella possibilità di gestire in digitale tutto il processo contabile (fatture attive, passive, cassa, banche, scadenzario) e integrare servizi per la fatturazione elettronica.

Perché scegliere ConfiDent?

Per la fatturazione elettronica dei dentisti nello specifico, abbiamo ideato un servizio aggiuntivo semplice, veloce e pratico da utilizzare: MiaFatturaElettronica, che consente di trattare le fatture elettroniche come fatture “analogiche”.

Infatti, non è necessario eseguire nessuna delle operazioni elencate in precedenza, perché il software lo fa in automatico e gestisce tutto il processo: generazione del file XML, controllo della correttezza formale, firma digitale, invio al Sistema di Interscambio, conservazione e ricezione diretta sul portale web delle fatture passive.

Ma non è finita qui: scegliendo ConfiDent potrai integrare anche il servizio di Supporto Invio Sistema 730, che riguarda l’invio delle spese sanitarie sostenute dai pazienti, per il quale sono state introdotte anche delle nuove procedure per il 2021, al quale il software si sta adeguando.

Contattaci e semplifica le procedure per la fatturazione elettronica e tutta la gestione dello studio dentistico con noi!

,

Articoli correlati